Le Borse europee provano a liberarsi dalla debolezza che ha tenuto banco in questi giorni, mentre il caso Fiat Chrysler arriva su Piazza Affari trattando in netto rialzo.

settimana economica - borsa in italiaMilano approfitta dell’aria positiva chiudendo il listino con un rialzo dell’1.87%, mentre le altre piazze battono la fiacca con una Londra che avanza dello 0.62%, Francoforte che scatta avanti con un timido +0.94% e Parigi che aggiunge l’1.2%. A sostenere le quotazioni dell’Europa ci pensa a dire il vero anche Wall Street, con un Dow Jones in salita dello 0.1% e il Nasdaq in ripresa dello 0.4%.

Buone notizie in arrivo anche per l’euro che recupera sul dollaro portandosi sopra quota 1.06. Merito in questo caso della conferenza stampa deludente fatta da Donald Trump, che ancora una volta si è dimostrato un po’ vago sulle future scelte economiche che la sua amministrazione intenderà portare a compimento. Nel frattempo lo spread tra Btp e Bund si tiene tutto sommato in un’area sicura, con un differenziale che si attesta a 159 punti e un rendimento fermo all’1.9%.

Per quanto riguarda le materie prime, invece, l’oro arretra un po’ ma si appresta a chiudere la settimana con i massimi degli ultimi due mesi: il bene di rifugio per eccellenza viene scambiato a 1.192 dollari l’oncia sui mercati asiatici. Meglio il petrolio, con quotazioni in rialzo sia per il Brent (+0.14%) sia per il Wti (+0.11%).

Alberto Mengora